Leccami La Cappella

Mi portai con il cazzo vicino alla sua bocca, le dissi: leccami troia, leccami la cappella e fammi sborrare! Lei era in grado di capirmi e certamente come ho già detto prima, era consapevole che me la stavo usando come una puttana. Inizio a far girare la sua lingua intorno alla cappella,

Senza chiedermi niente si avvicino con un leggera pressione mi spinse a sdraiarmi, mi allarga le gambe e comincio’ a baciarmi e a leccarmi le cosce l’inguine. Mi sembrava di impazzire senza piu’ parlare mi prese la cappella in bocca e comincio a rotearla con la lingua, stavo per scoppiare, allora leggendomi nei pensieri si fermo’ mi fece rilassare con carezze e piccoli baci sulle palle.

Ale leccami la cappellaIo amo da impazzire inziare i preliminari mettendola a pecorina per leccarla avidamente.

.per poi penetrarla sempre con la lingua! Mi piace da matti leccare anche l’ano.

.fare un p e un p.

e mentre lecco un buco gioco con le dita con l’altro! Questa pratica mi fa eccitare da matti.

.al punto da farmi bagnare la cappella! E’ davvero fantastico!

Lei inizia a leccarmi la cappella e le palle.”Sei il miglior amante che ho mai avuto” gli rispondo dolcemente “Lo so, ora sei il mio amore e la mia troia.” Non devo dire che passiamo tutta la notte insieme ma ora dopo 2 anni non ho mai scopato un altra donna. fonte.

Video.porno.amatoriale Il sito tutto italiano dedicato ai video porno amatoriali italiani, con i video suddivisi

Alberto si abbasso’ e comincio’ a leccarmi la cappella ed infine lo prese tutto in gola. Mi spompinava con l’intento di farmi venire, mentre Marco mi aveva ficcato dolcemente due dita nel culo facendole roteare. Fu un altro sublime sollazzo! Alla fine venni in bocca ad Alberto che continuo’ a pomparmi sino a che mando giu’ l’ultima goccia.

13/03/2013  · lui ”hei dai leccami la cappella!" lei ”mpffffh sei proprio un porcino!" flake likes this. Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono liberato di tutto ciò che non mi faceva del bene: cibi, persone, cose, situazioni e da tutto ciò che mi tirava verso il basso allontanandomi da me stesso, all’inizio lo.